Siniscola Sporting – As Macomer 3 -1

Macomer: Pinna, Moro (cap.), Carta, Atzori (27’st Manca), Doro, Obinu, Aresu (24’st Chelo), Puggioni, Scanu, Mura, Uras. All. Baranta

Reti: 40’pt Uras, 12’st Marras, 13’st e 43’st Cadoni.

Recupero: 1’pt, 5’st.

Note: ammoniti Doro, Scanu, Moro e Carta.

Sfortunato esordio per i giallorossi che al Ghirtala escono sconfitti contro un Siniscola Sporting più cinico, in un “derby” incrociato che vedeva il Montalbo Siniscola, invece, pareggiare 1-1 a Macomer contro la Macomerese.

Sfortunato perché, nel primo tempo, la squadra di Baranta ha fatto vedere bel gioco, molta aggressività e ha avuto non poche occasioni. Già al 2′ minuto, Scanu con una magia aggira il difensore avversario ma il tiro è ribattuto dal portiere di casa in angolo. Risponde però subito il Siniscola al 3′, con un colpo di testa di Cadoni che la difesa giallorossa salva sulla linea; sul seguente corner, è il numero 6 verde che colpisce ancora di testa, palla alta di poco. Un minuto dopo Puggioni si invola sulla sinistra ma serve Uras con troppa fretta, palla sul fondo. Al 6′ il Siniscola ci prova con una punizione dal limite dell’area, troppo debole per impensierire Pinna. Due minuti dopo, Scanu si libera e mette al centro ma nessuna maglia giallorossa riesce a raggiungere il pallone. Al 9′ Marras fa un gran gol, con il pallone che si infila all’incrocio dei pali, ma l’arbitro aveva già fischiato per un evidente fallo di mano.

Dopo i primi 10 minuti scoppiettanti, la partita si assesta. Al 14′ il numero 5 di casa viene ammonito per un fallo da dietro a centrocampo. Al 18′ palla gol per Uras: i padroni di casa si attardano a protestare a centrocampo con l’arbitro, Uras scambia con Scanu e si trova di fronte al portiere, ma la difesa verde riesce ad anticiparlo prima del tiro. Al 20′ è ancora il numero 11 giallorosso protagonista, bel controllo ad aggirare il difensore ma tiro troppo debole. Subito dopo, una bellissima combinazione sulla fascia destra tra Aresu e Mura porta alla superiorità numerica in attacco, ma Puggioni tutto solo sulla sinistra non viene visto e l’azione sfuma. Al 28′ altra ammonizione, stavolta il numero 7 di casa per proteste.

Al 30′ Carta e Pinna non si capiscono, ma Cadoni non ne approfitta. Al 33′ è invece un’indecisione dei due centrali giallorossi a favorire lo spunto dello stesso Cadoni, che da fuori area tenta un bel pallonetto che si stampa sulla traversa con Pinna battuto.

Al 39′ arriva finalmente il primo gol, ed è giallorosso: Puggioni lanciato bene da Mura mette dentro un pallone che Uras deve solo appoggiare dentro. Esultanza golfistica per il nostro numero 11 e grande entusiasmo nel settore dei macomeresi. Non c’è tempo per festeggiare però, appena ripartiti il Siniscola sfiora il pareggio con un’azione del numero 7 che porta Cadoni in ottima posizione, ma Carta sbroglia. Al 44′ Uras trova benissimo Scanu con un filtrante centrale, il portiere di casa riesce a metterci una pezza in uscita, mentre un minuto dopo tocca a Pinna anticipare Marras lanciato a rete.

Si conclude così un primo tempo che ha visto un ottimo Macomer. Non sarà così nel secondo tempo, perché il Siniscola con un po’ di cinismo e fortuna riuscirà nei primi minuti a ribaltare il risultato. Al 3′ lo Sporting mette già in ansia la retroguardia macomerese, con Marras che viene pescato bene in area, ma il tiro sul primo palo finisce sul fondo. Al 7′ interviene Moro a risolvere una difficile situazione dopo uno scambio tra i due attaccanti verdi. Al minuto 8 ammonito ingiustamente Doro che aveva rinviato dopo il fischio dell’arbitro, che evidentemente ha pensato a un gesto di stizza.

Tre minuti e lo Sporting va in gol: Cadoni controlla palesemente di mano, l’arbitro non se ne accorge e Doro rischia la seconda ammonizione mettendolo giù al limite dell’area di rigore. La punizione battuta dallo stesso numero 9 viene respinta da Pinna, che nulla può sul seguente tap-in di Marras. Neanche due minuti e il risultato si ribalta: Cadoni in contropiede si presenta solo davanti a Pinna e lo batte con un tiro a fil di palo. Grande festa per i tifosi di casa e incredulità per i tifosi macomeresi. Incredulità che aumenta notevolmente quando Scanu viene falciato clamorosamente in area mentre stava calciando a rete: l’arbitro, a due passi, fa proseguire e ammonisce addirittura il numero 9 giallorosso per proteste.

Al 24′ Chelo sostituisce uno stanco Aresu, al 27′ tocca a Manca sostituire Atzori, ma la partita non cambia, anzi inizia a spegnersi. Al 29′ Moro conquista palla e cambia gioco velocemente per Puggioni sulla sinistra, il giovane numero 8 si accentra e prova il tiro ma non va. Al 35′ lo Sporting va vicino al terzo gol ancora con Marras che stavolta calcia all’esterno del palo lontano. Al 41′ ci prova Chelo a sorprendere il portiere di casa con un bel tiro dalla distanza che esce di poco a lato. La partita si chiude quando Cadoni sfrutta un’altra indecisione fra Pinna e Doro per infilare la porta e firmare la sua personale doppietta.

Un vero peccato per un Macomer che avrebbe potuto raccogliere di più. Se è vero che, con il senno di poi, lo Sporting ha meritato la vittoria per aver sbagliato meno sia in difesa che in attacco, non si può tacere che alcuni episodi hanno condizionato la gara. L’arbitraggio non è stato del tutto all’altezza di una partita comunque nervosa, soprattutto da parte dello Sporting che ha mostrato molta aggressività fin da subito. E’ anche vero che, però, questo è il calcio e non ci si può lamentare troppo. Ma se certi errori durante la partita sono sembrati clamorosi, non bisogna dimenticare che, nel girone di ritorno della scorsa stagione, il Macomer ha giocato partite spettacolari senza sbagliare un colpo anche con formazioni di alto livello. La squadra ha comunque dimostrato di saperci fare e di poter ambire a fare un buon campionato. Arrivederci a domenica prossima, ore 16 allo Stadio Scalarba, per Macomer – Fanum Orosei. C’mon red and yellow!