Ovodda – Macomer 0 – 0

Ovodda: Ladu P., Lai, Soru T., Ladu (41’st Soru F.), Curreli, Frongia, Matteoli, Pinna (16’st Vacca), Litarru M., Litarru G.L., Marongiu. A disposizione: Soddo, Loddo, Demela, Mattu, Mura. Allenatore: Paolo Onida.

Macomer: Pinna, Moro, Oggianu, Atzori, Doro, Carta, Aresu (1’st Scanu), Puggioni (47’st Barria), Penduzzu, Mura, Manca. A disposizione: Galluccio, Arbau, Muggianu, Caria, Arzedi I. Allenatore: Baranta.

Ammoniti: 32′ Frongia, 37′ Aresu, 38’st Penduzzu.

Arbitro: Pasqualino Piras di Alghero.

Recupero: 1’pt, 4’st.

Buon pari per il Macomer che dopo due sconfitte resiste agli attacchi di un avversario volenteroso ma poco efficace in attacco. Primo pareggio senza reti per i ragazzi di Baranta di fronte ai granata allenati da Paolo Onida, vecchia (ma neanche tanto) conoscenza del calcio macomerese.

Il Macomer schiera il consueto 4-4-2 ed è costretto ancora una volta a cambiare la formazione titolare, per le assenze di Arzedi II, Castia, Obinu, Uras e Scanu che entrerà solo nel secondo tempo, ancora acciaccato e senza riuscire purtroppo a incidere.

Il primo tempo vede l’Ovodda più deciso e già al 3′ porta Ladu davanti a Pinna, è bravissimo il portiere macomerese a respingere di piede. All’ottavo minuto Gian Luca Litarru serve Curreli in area, il numero cinque granata vede e serve l’accorrente Matteo Litarru il cui tiro viene messo in angolo dalla difesa giallorossa. Ancora Gian Luca Litarru, il più pericoloso dei suoi, all’undicesimo si libera per il tiro ma conclude a lato da buona posizione. Al 16′ la migliore occasione per il Macomer: punizione dai 20 metri di Mura, la traiettoria inganna Ladu ma la palla termina fuori di pochissimo; passa un minuto e il Macomer ci riprova in contropiede con una bella torre di Penduzzu per Puggioni che, vedendosi chiuso, prova il tiro da fuori che Ladu para in due tempi. Al 26′ ancora Gian Luca Litarru pericoloso con un tiro a incrociare che termina poco fuori alla destra di Pinna. Risponde subito Puggioni che sulla destra si fa largo a sportellate ma si trova in una posizione difficile per calciare e ancora Ladu neutralizza l’azione del numero 8 macomerese, che affianca Penduzzu in attacco in questo primo tempo. Al 36′ ci prova ancora Litarru, che spalle alla porta cerca di coordinarsi per un tiro impossibile che finisce a lato, non di molto. Poco dopo, al 38′, sarà T. Soru a cercare di sorprendere Pinna con una punizione di seconda al limite dell’area, ma la palla esce abbondantemente fuori. Al 43′ Atzori trova bene Aresu sulla destra, il suo cross è raccolto da Penduzzu che cerca di liberarsi ma Matteoli lo chiude in angolo.

Si conclude così un primo tempo tutto sommato divertente, con l’Ovodda sicuramente più intraprendente e il Macomer che contiene abbastanza bene ma non crea molto in avanti. Baranta cerca di cambiare le carte in attacco inserendo Scanu al posto dell’ammonito Aresu e spostando Puggioni sulla destra. Il secondo tempo sarà invece, per quanto combattuto, molto povero di occasioni sia da una parte che dall’altra. Solo al 17′ un brivido percorre le schiene dei macomeresi, quando il solito Litarru, sulla bella sponda del suo omonimo compagno d’attacco Matteo, si trova tutto solo davanti a Pinna ma conclude incredibilmente fuori. Bisogna attendere il 32′ per uno squillo del Macomer: Mura batte un calcio di punizione dalla destra, praticamente un corner corto sul quale la difesa granata rischia l’autogol. Al 36′ l’ultima occasione della gara: Ladu cerca la volée da buona posizione, il tiro è potente ma non preciso e termina fuori. Si conclude così la partita tra due squadre che si trovano entrambe tra i primi posti in classifica: nel complesso si può considerare un punto importante per il Macomer, contro un avversario che domenica scorsa ha segnato 4 gol a Gesturi e che è stato per lungo tempo imbattuto in questo campionato. Il finale di partita (tra l’altro, arbitrata in modo impeccabile dal signor Piras, probabilmente il miglior arbitro visto quest’anno) lascia spazio al terzo tempo dove, come spesso accade, si salutano vecchi amici e compagni di squadra, mentre fioccano le telefonate alla ricerca dei risultati del girone: tra le prime della classe, bene solo il Siniscola che vince il derby e il Bonorva ancora lanciatissimo, che supera il Borore e tallona la prima in classifica. Solo un pari per Aritzo e Arborea. In coda, grande affanno per la Gesturese (sconfitta per 7-2 ieri a Bosa) e per Borore e Folgore Mamoiada, che a Macomer vede anche il bruttissimo infortunio di Sedda. A lui i migliori auguri di guarigione, a voi l’invito a non mancare per l’ultima partita del girone d’andata, domenica 16 dicembre alle ore 15, contro il Santa Giusta allo Stadio Scalarba. Any given sunday. FORZA MACOMER!