Macomer – Siniscola 3 – 0

Macomer: Pinna, Oggianu (1’st Caria), Carta, Atzori, Doro (37’st Bosu), Moro, Puggoni, Maca, Penduzzu (31’st Mureddu), Mura, Gaddari. A disposizione: Galluccio, Castia, Chelo, Muggianu. Allenatore: Baranta.

Siniscola: Isacchi, Congiu, Conteddu A., Chisu, Venale, Saporito, Goddi (27’st Allegria), Conteddu G.S. (15’st Marras), Cadoni, Cau, Corrias (30’st Puggioni). A disposizione: Novelli, Dalu, Vedele. Allenatore: Saporito.

Reti: 6′ Moro, 8’st Penduzzu, 37’st Gaddari.

Ammoniti: 25′ Oggianu, 28′ Manca, 34′ Cau, 42′ Congiu, 43′ Gaddari, 11’st Cadoni, 15’st Caria, 46’st Puggioni.

Espulsi: 20’st Saporito per doppia ammonizione. Allontanato al 27’st il guardialinee del Siniscola.

Arbitro: Usai di Oristano.

Recupero: 3’pt, 4’st.

Chi non c’era non sa cosa si è perso. Nel big match della prima di ritorno il Macomer surclassa un Siniscola ancora imbattuto ma quest’oggi non pervenuto allo Scalarba. I giallorossi con due vittorie consecutive si portano al secondo posto in attesa dei risultati di domani.

DSCF2972

I ragazzi di Baranta iniziano subito bene: al 3′ sugli sviluppi di un corner un tiro di Gaddari non trattenuto da Isacchi porta scompiglio nell’area verde, ma Usai fischia un fallo in attacco. Al 6′ è già vantaggio: Puggioni trova Moro in area, il capitano è lesto a liberarsi dei centrali ospiti per trovarsi solo davanti a Isacchi e trafiggerlo con una botta che gonfia la rete. Sulle ali dell’entusiasmo al 9′ il bellissimo dai e vai di Gaddari e Puggioni, con quest’ultimo che cerca di accentrarsi per il tiro ma viene contenuto dalla difesa ospite. Al 18′ si vede il Siniscola: punizione dalla tre quarti battuta da Chisu, Saporito non arriva sul pallone che attraversa tutta l’area per spegnersi a lato. Al 20′ ancora un cross pericoloso di Chisu, Carta libera in angolo; sugli sviluppi del corner Chisu entra in area e cerca di liberarsi per il cross ma la palla termina sul fondo mentre il giocatore ospite reclama il rigore. Insistono gli ospiti, con Cau che al 26′ batte una punizione dalla sinistra dell’area di rigore e chiede il fallo di mano della barriera, ma Usai non è d’accordo e assegna una punizione al Macomer che si riversa subito in avanti: Puggioni trova lo spazio per il traversone che incontra invece la mano di Saporito. Anche in questo caso Usai lascia proseguire tra le proteste della tribuna. Al 29′ Cadoni protegge palla in area ma conclude alto. I giallorossi, quest’oggi con la maglia nera, rispondono al 36′ con la verticalizzazione di Mura per Gaddari che controlla e cerca l’eurogol, palla a lato di poco; al 42′ è Puggioni a portare il contropiede fino all’area ospite ma la sua conclusione è debole, così come il tentativo al 43′. Allo scadere un altro contropiede fulminante con Penduzzu che serve Puggioni, dentro per Gaddari che controlla e serve ancora Penduzzu che non trova il tempo per il tiro.

DSCF2979

Capitan Moro festeggia giustamente il suo primo pesantissimo gol in questa stagione

Si chiude qui un primo tempo che ha visto la squadra giallorossa decisamente in forma, attenta su tutti i palloni e sempre pericolosa in avanti con i due attaccanti e le ali di centrocampo concentrate e aggressive, con la difesa che soffre più per i continui fischi dell’arbitro per falli – spesso quantomeno dubbi – subiti dai giocatori ospiti che non per la manovra ospite che sembra oggi veramente sterile.

La seconda frazione di gioco si apre con l’ingresso di Caria per Oggianu: il neo entrato si porta sull’ala destra mentre Moro, finora match-winner, retrocede terzino. Nemmeno il tempo di far partire il cronometro e subito Penduzzu si libera di tre avversari sulla tre quarti e serve Caria che cerca di superare Isacchi con poca fortuna. Al 3′ rispondono gli ospiti con Cadoni che crea lo spazio per Corrias, ma il numero 11 da buona posizione spara alto. Al 5′ Mura recupera palla e serve Caria sulla destra, palla poi per Penduzzu che conclude da fuori area ma ottiene solo un calcio d’angolo. All’ottavo minuto il Macomer mette le mani sui tre punti: contropiede di Puggioni che vede l’inserimento di Gaddari e lo premia, il numero 11 va sul fondo e mette in mezzo un pallone che Penduzzu deve solo spingere dentro per il 2-0 che vale il boato del pubblico dello Scalarba. Il Siniscola è in grande difficoltà e al 20′ si ritrova in dieci quando Usai espelle per doppia ammonizione Saporito, autore di un fallaccio a centrocampo su Moro. Al 27′ sarà allontanato anche il guardalinee ospite. Il Macomer affonda l’arma del contropiede sugli ospiti che si portano avanti solo su calci da fermo; al 30′ Puggioni si ritrova a tu per tu con Isacchi ma è bravo quest’ultimo a chiudergli lo specchio della porta. Al 33′ Gaddari serve il neo entrato Mureddu che viene però chiuso da Venale. Al 37′ partita in ghiaccio: sull’ennesimo contropiede Isacchi rinvia colpendo Mureddu che generosamente serve in area Gaddari che deve solo appoggiare a porta vuota e raccogliere la gioia del pubblico e i complimenti degli amici presenti al campo. Negli ultimi minuti i primi tiri nello specchio della porta degli ospiti: al 41′ Allegria e al 46′ Puggioni trovano la coordinazione, ma non la traiettoria giusta per impensierire Pinna.

La festa per il due a zero di Penduzzu vicino allo striscione in ricordo del grande Fabiano

La festa per il due a zero di Penduzzu vicino allo striscione in ricordo del grande Fabiano

Al 49′ Usai fischia tre volte e sancisce la fine dell’imbattibilità del Siniscola, che cade di fronte a un Macomer autore oggi di una partita stratosferica. Ospiti mai in partita se non nella prima metà del primo tempo, giallorossi perfetti in tutti i reparti e soprattutto bravi a non innervosirsi per le continue interruzioni dovute ai presunti falli fischiati da Usai sui giocatori in maglia verde. La classifica continua a sorridere ai ragazzi di Baranta che vedono la quota salvezza sempre più vicina e forse iniziano a pensare di potersi togliere qualche soddisfazione; ma il campionato è ancora lungo con 14 partite tutte da giocare e, per noi, da vivere sugli spalti incitando questi calciatori che stanno facendo un campionato finora straordinario. Appuntamento domenica 6 gennaio al “Peppino Nanni” di Orosei contro la Fanum in lotta per la salvezza. Sarà un’altra battaglia di novanta minuti.

FORZA MACOMER!