Macomer – Samugheo 1 – 0

Macomer: Lento, Moro, Demartis, Biancu (18’st Santoru), Caria (49’st Chelo), Carta, Muscau, Mureddu, Puggioni (23’st Arzedi), Scanu, Uras. A disposizione: Fancello, Guiso, Ghiani, Barria. Allenatore: Lello Atzori.

Samugheo: Barra, Urru, Deias F., Deias R., Minarelli, Deias M., Sannia, Cuboni (42’st Saba L.), Frongia (13’st Usai), Rivolta, Maniglio. A disposizione: Angioni, Saba R., Manca, Frongia, Tatti. Allenatore: G.L. Deias.

Gol: 43’st Uras.

Recupero: 1’pt, 5’st.

Arbitro: Gatta di Sassari.

Il Macomer fa 5 su 5 in una partita giocata non bene, con tanti errori soprattutto nei passaggi in attacco, e un po’ di affanni in difesa forse inaspettati, visto la classifica non eccezionale dell’avversario. Il Samugheo tuttavia viene a Sertinu per vincere e ci prova in tutti i modi, senza comunque andare troppo vicino al gol in una partita piuttosto noiosa e gestita non al meglio dall’arbitro Gatta.

Atzori schiera il consueto e ormai consolidato 4-3-3, con Puggioni a sostituire ancora Arbau, Caria terzino per l’assenza di Morittu e Biancu a centrocampo con Santoru in panchina. Pochissimo da dire sul primo tempo, che si chiude con un’occasione per parte: al 16′, Mureddu lancia Puggioni in area, Barra esce ma non trattiene e il nostro Bad Boy fa la cosa più giusta, controlla e cerca di metterla in rete con un pallone che ha l’effetto giusto, ma non la potenza per evitare il salvataggio sulla linea di Minarelli. La risposta biancorossa al 30′ con una punizione potente di Maniglio da 30 metri, sulla quale Lento vola a metterla in corner.

Il secondo tempo si apre, invece, con una grande occasione per Uras, che lanciato da Muscau si presenta di fronte a Barra ma in posizione defilata: l’esterno sinistro del bomber è preda del numero uno ospite. Al 14′ l’occasione migliore per il Samugheo: su una punizione dalla tre quarti destra, la palla scavalca tutta la difesa e arriva a Cuboni che spara a botta sicura, trovando il miracolo di Lento che respinge su Frongia, il quale non è abbastanza veloce per il tap-in che sarebbe stato sicuro vantaggio. Risponde al 24′ Demartis con un colpo di testa da distanza ravvicinatissima, che colpisce però la schiena di un difensore e arriva comodo tra le mani di Barra.

Al 35′ nuova fiammata giallorossa, quando Scanu va via in area, subisce forse fallo ma prosegue e serve Uras che sceglie di controllare prima del tiro e viene anticipato dal veloce difensore ospite. La partita langue, con un Macomer un po’ confuso e un Samugheo che inizia a crederci; ma proprio quando il pareggio sembra scritto, arriva il guizzo di Uras che approfitta di un’indecisione della difesa, ingannata da un controllo sbagliato di Scanu, per infilare Barra e firmare il vantaggio.

Ospiti che restano in 10 dopo pochissimo per l’espulsione di Maniglio, che riceve la seconda ammonizione dopo un battibecco nervoso con Muscau, ma che si rendono pericolosi con alcuni calci piazzati senza, però, molta fortuna. Triplice fischio di Gatta dopo 5 minuti di recupero, e quinta vittoria per i giallorossi, che dopo avere visto pericolosamente vicina la zona play-out, ora possono perfino permettersi di guardare in alto, dove il Posada (5-2 sull’Ichnos) si porta in cima alla classifica superando la Macomerese, fermata sul pari ad Arborea e raggiunta dalla Fanum vittoriosa a Santa Giusta. Continua, alle loro spalle, la marcia dell’Atletico Cabras, che ne rifila altri 6 alla Lulese (dopo gli altrettanti gol subiti dai barbaricini a Posada domenica scorsa) e si attesta al terzo posto solitario. Quarto posto, invece, occupato dai giallorossi in coabitazione con squadre importanti come l’Abbasanta (che vince il derby con il Monterra) e la Montalbo che supera il Bosa. Proprio le due sconfitte perdono terreno, rimanendo a quota 23, ma in coda vince solo la Corrasi su un’Ovodda sempre più in crisi di risultati.

Domenica prossima il Macomer dovrà cercare una difficilissima sesta vittoria consecutiva a Orosei, contro una Fanum in grandissima forma. Sarà dura, ma possiamo giocare a testa alta e consapevoli che, comunque, la zona play out dista ormai 19 punti… FORZA MACOMER!