Macomer – Tharros 0 a 1

MACOMER: Pinna, Moro, Milano, Biancu, Casula, Carta, Puggioni (15’st Uras), Manca, Dessì, Mureddu, Palmas (38’st Depau).

A disposizione: Lento, Barria, Oggianu, Guiso.

Allenatore: Lello Atzori.

THARROS: Mele, Sanna, Meli, Cossu (1’st Lai), Pavcic, Garbella, Porta (32’st Serra), Mereu, Sanna, Basciu, Lonis (1’st Atzeni).

A disposizione: Piras, Murroni, Murgia, Puggioni.

Allenatore: Andrea Contini.

Arbitro: Andrea Pani della sezione di Sassari.

Recupero: 2’pt, 7’st.

Reti: 45’st Atzeni.

Note: al 47’st espulso Meli.

macomer tharros 5 ott 14

Niente da fare per un Macomer volenteroso, che trova la prima sconfitta stagionale di fronte a una Tharros apparsa non brillante, che raccoglie il massimo risultato davvero col minimo sforzo. Una partita che sarebbe probabilmente stata diversa e anche più divertente, se l’arbitraggio decisamente poco convincente non avesse rovinato l’incontro fin dai primi minuti, consegnando nel finale agli ospiti una vittoria che sembrava ormai insperata e che, per come era andata la partita, sarebbe potuta andare a entrambe le squadre.

Atzori perde Morittu, dato per titolare ma infortunatosi nel riscaldamento, e inserisce Biancu spostando Manca sulla fascia sinistra e Milano al centro della difesa con Agostino Carta, e Moro sulla destra. A centrocampo con il vice-mister c’è Casula, mentre sulle fasce, in una sorta di 4-2-4 stile Ventura, ci sono Puggioni e Mureddu. Davanti la coppia Dessì – Palmas.

Gli ospiti partono bene e si rendono pericolosi al 4′ quando Basciu parte in velocità e serve Sanna in area, ma il tiro del centravanti oristanese viene smorzato ed è preda di Pinna. Il Macomer risponde con il convincente Palmas, che al 7′ vede lo scatto di Puggioni e lo serve in verticale, ma la difesa ospite si salva pur con qualche affanno. La partita si spegne, anche per le continue interruzioni di un arbitraggio quantomeno incerto, e si riaccende solo al 30′ quando Mureddu e Palmas scambiano sulla sinistra portando il fuoriquota al cross che diventa però facile per Mele. Al 35′ è Biancu a recuperare un pallone e servirlo a Mureddu, il quale allarga per l’accorrente Palmas che da dentro l’area conclude alto. L’ultima fiammata del primo tempo è di Puggioni, che da lontanissimo fa partire un tiro potente che va vicino al palo.

Nella ripresa gli ospiti partono con due sostituzioni: Cossu e Lonis fanno posto a Lai e Atzeni, ex primavera del Cagliari. Sarà proprio quest’ultimo a dare maggiore pericolosità alla sponda biancorossa, ma mentre il giovane ex rossoblu prende le misure, Bobo Dessì al 5′ spara dal limite dell’area costringendo Mele a un volo miracoloso per mettere il pallone in angolo. Al 13′ la risposta degli ospiti è sui piedi di Porta, che si trova un po’ per caso il pallone fra i piedi in area e trova lo spazio per girarsi, ma non la coordinazione per battere Pinna. Nello stesso minuto arriva la sostituzione che fa ben sperare i giallorossi: fuori Puggioni, autore di una buona gara e probabilmente infortunato, dentro Uras che fa il suo esordio stagionale e dopo sessanta secondi ha la palla del possibile vantaggio, ma grazia Mele colpendo alto sopra la traversa. L’intesa Dessì – Uras sembra funzionare, e al 17′ è ancora su quest’asse che arriva una clamorosa palla gol: l’ex giallonero apre per il bomber macomerese che dalla destra riesce in qualche modo a portarsi davanti a Mele, tiro respinto sui piedi di Dessì che calcia incredibilmente fuori.

Il pericolo scampato dà la sveglia agli ospiti, che iniziano a fare propria la gara: già al 18′ la palla finisce alle spalle di Pinna gonfiando la rete, ma Pani annulla per un fuorigioco stavolta abbastanza evidente. Al 28′ Atzeni porta il primo pericolo a Pinna calciando a fil di palo da 30 metri; ancora l’ex rossoblu, al 31′, si smarca sul primo palo ma la sua girata passa alta sopra l’incrocio dei pali. Ospiti nuovamente pericolosi al 33′ con il numero 2 Sanna, che al termine di un contropiede imbastito da Basciu calcia altissimo. Al 44′, invece, arriva il clamoroso e inspiegabile rigore che Pani assegna e Atzeni trasforma, spiazzando Pinna e trascinando la squadra in grandi festeggiamenti che portano, fra l’altro, all’espulsione di Meli, che esce dal campo a fare compagnia al mister Contini espulso durante la ripresa.

Il Macomer prova a reagire ma non va oltre la punizione calciata da Dessì al 51′ che sfiora la traversa. Al triplice fischio, quindi, si concretizza la prima sconfitta in campionato per il Macomer; i giallorossi, pur non meritando la vittoria, non hanno demeritato e l’intesa tra Dessì e Uras fa ben sperare, così come la voglia messa in campo da Puggioni e le buone cose viste dal giovane Palmas.

Sugli altri campi, una straripante Fonni con la cinquina a Santu Lussurgiu fa compagnia alla Tharros in cima alla classifica, mentre alle loro spalle rallenta il Bosa fermato a Desulo, e si avvicina il Posada che batte l’Atletico Cabras. Prima vittoria per l’Abbasanta con la Bittese, l’Oristanese con l’Ovodda e il Santa Giusta con l’Ichnos, mentre pareggiano La Caletta e Arborea.

Domenica prossima, Macomer di scena sul campo della Bittese neo-retrocessa. Ancora presto per fare delle valutazioni sul campionato.. semplicemente FORZA MACOMER!!!!

N.B. Ricordiamo che questo blog non è l’organo ufficiale dell’ASD Macomer Calcio 1923, né ne rappresenta in alcun modo il pensiero e le opinioni.