Berchidda – Macomer 1 – 3: su Muscau binchet su Vermentinu

MACOMER: Pinna, Caria, Manca, Morittu, Carta, Pintori, Bitti (47’pt Del Piano), Marras, Muscau, Bagedda, Murgia (44’st Lobino). Allenatore: Giampiero Giuliani.

BERCHIDDA: Deiana, D’Acqui, Sanna, Dau, Merone, Pinna, Arricca, Bomboi, Taras, Arcadu, Casu. Allenatore: Gianni Casula.

Reti: 7’pt Bagedda, 40’pt Bitti, 24’st Muscau, 38’st Arcadu (B).

DSCF9416

Il Macomer conquista la sua prima vittoria in trasferta, tre punti ampiamente meritati in una partita mai stata in discussione. Il Berchidda, dopo la disfatta di Osilo, sembra aver perso lo smalto che aveva portato la compagine bianconera ai piani alti della classifica, mentre i ragazzi di Giuliani paiono aver trovato l’assetto giusto per fare la propria parte in questo campionato.

La svolta sembra passare in particolare dalla nuova posizione in campo di Davide Muscau, che dopo la bella prestazione di Pozzomaggiore e il gol di domenica scorsa è definitivamente tornato con grandissimo successo al suo vecchio ruolo giovanile di attaccante. Decisivo nel primo gol di Bagedda, uomo assist per il secondo gol di Bitti e autore della terza rete che ha chiuso la partita: cosa chiedere di più al giovane sedilese? Senza dimenticare la sicurezza garantita da Pinna, al secondo rigore parato in un momento che avrebbe potuto cambiare le sorti della partita. Ma andiamo con ordine.

Giuliani, come detto, conferma Muscau in avanti a far coppia con un buon Murgia, Bagedda e Bitti presidiano le fasce alte coperti da Manca sulla sinistra e Caria sulla destra. Pintori e Marras al centro del campo, mentre Carta e capitan Morittu difendono la porta di Pietro Pinna.

Si parte e dopo un paio di scambi di battute parte l’assolo giallorosso: Muscau conquista il fondo della fascia destra, mette al centro per il primo tiro di Bagedda, respinto, palla a Marras dal limite, ancora Deiana respinge, e di nuovo Bagedda ribadisce in rete. I padroni di casa sembrano frastornati da questo piccolo assedio e tardano a reagire: al 25′ Bitti ha la buona occasione lanciato a rete, ma viene fermato in angolo; al 35′ Marras si prende il palcoscenico saltando in bello stile tre avversari per poi tentare un sinistro difficile, alto sopra la testa di Deiana. I bianconeri si vedono solo con due buone occasioni capitate sulla testa del difensore Pinna, bravo a staccare ma meno abile a centrare la porta. Lucido è invece Carlo Bitti a segnare il suo primo gol con la maglia del Macomer, ma il merito è tutto di Muscau che stavolta conquista la posizione in fondo a sinistra e mette al centro un pallone che il numero 7 deve solo spingere in rete. Pochi minuti dopo è proprio l’autore del gol a lasciare il campo per infortunio, sostituito da Del Piano.Il primo tempo si chiude con la volée di Pintori, bella ma centrale, che lascia invariato uno 0 a 2 preziosissimo per Giuliani e i suoi, che vedono vicinissima la prima festa in trasferta.

L'inossidabile Pantaleo Murgia guida la squadra alla conquista di Berchidda.

L’inossidabile Pantaleo Murgia guida la squadra alla conquista di Berchidda.

Agli ordini di Acciaro, al solito un po’ confusionario, la partita riprende e il Berchidda ha subito l’occasione per rilanciarsi: Taras stacca di testa, riesce anche a colpire ma va giù e per il fischietto algherese è rigore. Sul dischetto va il numero 10, Arcadu, che sceglie sfortunatamente l’angolo basso alla sua sinistra, proprio dove Pinna vola a negare la rete che poteva riaprire la partita. Sconfortati, i padroni di casa si gettano in avanti esponendosi a innumerevoli contropiede giallorossi. Al 17′ Bagedda lancia lunghissimo per Muscau, il quale controlla e fa correre il pallone insieme a Marras: il diagonale del numero 8 diventa un assist per Caria che arriva puntuale ma trova solo l’esterno della rete. Al 20′, ancora un rovesciamento di fronte che porta Muscau a tu per tu con Deiana che lo ipnotizza e in due tempi sventa la minaccia; ma è solo questione di pochi minuti per il meritato gol del nostro numero 9, che al 24′ viene servito in piena area da Del Piano bravo a recuperare il rinvio sfortunato di Deiana e a vedere l’inserimento del compagno che firma il 3-0. Tre punti in ghiaccio per il Macomer, che sfiora il poker con Murgia al 33′ e subisce il gol della bandiera al 38′ con il bel colpo di testa di Arcadu.

Trasferta lunga ma felice, quindi, per la squadra che sta trovando la condizione fisica e la cattiveria necessaria a non affondare: ora la classifica preoccupa meno, con 7 punti e 3 di vantaggio dal quartultimo posto. Domenica, però, arrivano all’Iscalarba gli ozieresi del Mesu ‘e Rios: uno scontro salvezza da vincere a tutti i costi.

P.S. Per molti della mia generazione scoprire che Berchidda esiste anche di giorno è un po’ come rendersi conto che anche la tua professoressa di latino ha una vita privata, degli affetti e delle passioni. La vita notturna del Time in Jazz ha decisamente segnato la giovinezza e le occhiaie di tanti e tante, e non appena sono entrato in paese, la prima cosa che ho pensato è: “ho dimenticato la tenda!”.

Nel caso non l'aveste capito, a Berchidda fanno "i vini".

Nel caso non l’aveste capito, a Berchidda fanno “i vini”.