Macomer – Malaspina 2 – 1

MACOMER: Pinna, Sedda, Chelo, Del Piano, Carta, Vinci, Bitti (24’st Morittu), Pintori, Muscau, Marras, Bagedda. In panchina: Oggianu, Fadda, Manca, Murgia, Palmas. Allenatore: Giampiero Giuliani.

MALASPINA: Marini, Sanna (42’st Posadinu), Pisano (30’st Usai), Bagedda, Chessa, Zichi, Figoni (9’st Cuccu), Rizzu, Migheli, Marongiu, Satta. In panchina: Bellu, Porcu, Campus, Nieddu. Allenatore: Alessandro Cozzula.

Reti: 45’pt Pintori, 14’st Chelo, 21’st Satta (rig.).

Note: al 21’st espulso Carta.

Arbitro: Davide Galiffi di Alghero.

Recupero: 1’pt, 4’st.

Con le buone e con le cattive il Macomer conquista la sua quarta vittoria stagionale alle spese di un Malaspina apparso non all’altezza di quella che fino a ieri era un’ottima posizione in classifica. Rossoblu che, nonostante i tanti palloni giocati, possono contare solo su una rete giustamente annullata, un rigore apparso dubbio e un’occasione, clamorosa, fallita negli ultimi minuti per un pareggio che sarebbe stato una beffa per il Macomer.

img_20151129_174127.jpg

Giuliani schiera i giallorossi ancora con Sedda e Chelo sulle fasce difensive, Carta e Vinci centrali, i soliti Del Piano e Bagedda ai lati di Pintori e Marras con Muscau e Bitti punte. Direttore di gara Galiffi di Alghero, che ai più è sembrato incerto soprattutto in occasione del rigore.

La prima occasione è del Macomer e porta la firma di Muscau, che di testa raggiunge il corner battuto da Bagedda al 12′ ma colpisce troppo sotto e sfiora la traversa. Gli ospiti rispondono al 14′ con il gran gol di Migheli, che al centro dell’area trova l’incrocio dei pali ma viene giustamente segnalato in fuorigioco. Al 26′ gli ospiti riescono a strappare il pallone dall’uscita di Pinna e a rimetterlo in mezzo, ma Vinci salva sulla linea, mentre al 40′ Migheli stavolta in posizione regolare sciupa tutto davanti a Pinna. Il vantaggio giallorosso arriva al 45′, grazie alla reattività di Pintori che si avventa su una respinta corta della difesa rossoblu e mette il pallone all’angolino proprio mentre Galiffi stava per fischiare la fine del primo tempo.

Vantaggio sorprendente, per il Macomer, che fino a quel momento aveva mostrato poco, se non un certo nervosismo scomparso, però, quando le squadre rientrano dagli spogliatoi. Ci prova subito Sedda, oggi più a suo agio nel ruolo di terzino, che scambia due volte con Del Piano prima di arrivare al tiro da fuori area, nessun pericolo per Marini. L’estremo difensore ospite viene superato però al 14′, grazie a un’invenzione di Mattia Chelo che, liberato a sinistra da Bagedda, calcia una traiettoria che scavalca Marini e si infila sotto il sette.

Gli ospiti, decisamente, non stanno a guardare, e al 21′ si rifanno sotto anche grazie a Galiffi che, a nostro parere, fischia ingiustamente un rigore per l’atterramento in area di Satta, mostrando nell’occasione il cartellino rosso a Carta. Una punizione apparsa a molti eccessiva, ma Galiffi è ovviamente inamovibile: sul dischetto va lo stesso Satta, che spiazza Pinna e accende la speranza degli ospiti. Speranza che, tuttavia, non sembra concretizzarsi, lasciando invece ampi spazi per le ripartenze del Macomer che sfiorano ripetutamente il terzo gol, al 30′ e al 41′ con Morittu e al 45′ con Bagedda. L’unica occasione, clamorosa, per il pareggio, capita all’improvviso sui piedi di Cuccu, che colpisce incredibilmente male sprecando la palla del 2-2. E dopo un recupero incredibilmente lungo, arriva il fischio finale di Galiffi che consegna i tre punti alla squadra giallorossa.

Una vittoria doveva arrivare e una vittoria è arrivata, nonostante molto nervosismo e qualche errore di troppo in campo. Vittoria arrivata soprattutto grazie al cuore messo in campo dalla squadra, con Del Piano, Sedda, Chelo e Muscau – per citare solo i più giovani – che hanno mostrato la voglia di vincere che servirà per sopravvivere a questo girone sconosciuto e difficile. Tre punti che servono tantissimo, anche per tenere lontana la zona retrocessione, dove il Mesu ‘e Rios vince nell’anticipo di Bono e supera in un colpo solo i goceanini e il Li Punti, sconfitto a Codrongianos. In testa continua il duello sassarese tra Cus e Ottava, con questi ultimi che vengono fermati in casa dal Thiesi e gli universitari che tornano primi vincendo il derby con la Lanteri. I bianconeri restano sotto il Macomer, così come il Pozzomaggiore sconfitto a Olmedo da quelli che saranno i prossimi ospiti dell’Iscalarba. I biancoverdi arriveranno dalle nostre parti forti di un buon 5° posto in classifica, ma con solo 5 punti in più; sarà sicuramente un’altra battaglia dal primo al novantesimo. VISCA MACUMERE!!!