Macomer – Pozzomaggiore 1 – 2

Seconda sconfitta consecutiva per il Macomer, che perdono l’imbattibilità casalinga che durava dalla prima di campionato di fronte a un Pozzomaggiore bravo e fortunato. La vittoria, per gli ospiti sostenuti da tanti tifosi tra i quali i rumorosissimi Ignoranti Rossoblu, arriva grazie a un rigore quantomeno misterioso concesso dall’arbitro Tore, dopo che Morittu aveva pareggiato nella ripresa il bel gol di Falchi nel primo tempo.

I giallorossi si schierano con Oggianu e Vinci centrali, Sedda e Chelo sulle fasce basse; a centrocampo Gaddari e Del Piano ai lati di Pintori e Morittu, mentre Bagedda e Palmas formano l’attacco. Panchina insolitamente popolata, con il ritorno di Mirko Manca e i due Demurtas.

L’avvio della partita è di marca decisamente ospite: i giocatori in maglia bianca tengono infatti il pallino del gioco, senza però creare occasioni clamorose fino al 34′, quando arriva il vantaggio. Merito di Falchi, lesto a conquistare lo spazio tra Pinna e Oggianu e superare il portiere giallorosso con un pallonetto che si adagia sul fondo della rete. Il Macomer si vede solo nell’ultimo minuto del primo tempo, quando la palla spiove in area sui piedi di Biancu (entrato 20′ per l’infortunato Del Piano) che per un soffio manca l’impatto.

La ripresa si apre invece con il pari giallorosso: punizione dalla sinistra che Bagedda mette in mezzo trovando la deviazione vincente di Morittu al 14′. Gli ospiti reagiscono subito, portandosi in avanti ma trovando il provvidenziale intervento di Caria, che anticipa all’ultimo Falchi pronto ad appoggiare in rete. Dopo questo brivido gli ospiti si spengono, e il Macomer conquista metri dando l’impressione di poter addirittura passare in vantaggio: al 27′ Rassu devia con la punta delle dita la bella punizione di Bagedda dalla sinistra, e sul corner vede il tiro di Pintori uscire di poco a lato. Ma nel momento migliore dei giallorossi arriva, come un fulmine a ciel sereno, il nuovo vantaggio ospite, grazie a un rigore apparso quantomeno generoso fischiato da Tore per un misterioso fallo in mischia. Veementi ma inutili le proteste del Macomer: sul dischetto va Marco Fadda, Pinna intuisce ma non ci arriva e i rossoblu vanno sul 2-1.

La partita si scalda, con i giallorossi che riescono in qualche modo a gestire il nervosismo e a portarsi avanti alla ricerca del pari, ma né Pintori (al 34′ e 37′ da fuori area) né Palmas (al 40′ dal limite, al 48′ di testa) riescono a superare Rassu. Il signor Tore, che al 45′ aveva anche espulso Caria per avergli rivolto un applauso sarcastico, fischia dopo 5 minuti la fine delle ostilità, circondato dai giallorossi che chiedono spiegazioni per le diverse decisioni discutibili. Non eccezionale, in verità, l’arbitraggio del giovane direttore di gara oristanese, che diverse volte ha scontentato entrambe le squadre.

Il risultato, comunque, premia forse troppo il Pozzomaggiore, più ordinato in campo ma mai eccessivamente pericoloso, così come il Macomer. I giallorossi saranno impegnati domenica prossima sul campo del Li Punti, contro il quale, a ottobre 2015, arrivò la prima vittoria in campionato nonostante il primo tempo a dir poco spumeggiante dei sassaresi. Comunque vadano le partite di domani, sarà comunque una sfida salvezza fondamentale. VISCA MACUMERE!!!

MACOMER: Pinna, Sedda (9’st Caria), Chelo, Morittu, Oggianu, Vinci, Del Piano (20’pt Biancu), Pintori, Palmas, Bagedda, Gaddari. In panchina: Demurtas M., Demurtas G., Manca, Depau, Murgia. Allenatore: Giampiero Giuliani.

POZZOMAGGIORE: Rassu, Casule M., Piras (14’st Sias), Silvas, Casule G.M., Fadda G., Leoni, Soro (32’st Corongiu), Cocco, Zallu (17’st Fadda M.), Falchi. In panchina: Cervo, Pischedda, Senes, Pani. Allenatore: Giuseppe Falchi.

Reti: 34’pt Falchi, 14’st Morittu (M), 31’st Fadda M. (rig).

Arbitro: Andrea Tore di Oristano.

Recupero: 3’pt, 5’st.